Homepage Versione italiana FAQ Useful links Road safety charter Contacts
Help?
Chi è l'Aiscat
Le Associate
News
Recent news
2007 Archive
2006 Archive
2005 Archive
2004 Archive
2003 Archive

<2002 Archive
Pubblicazioni
Notizie dall'Europa
asecap
cesare IV
carta sicurezza stradale
 

Roma, 25 ottobre 2005

 

A TRIESTE AISCAT E POLIZIA DELLA STRADA PER SICUREZZA EUROPEA

 

Si sono conclusi oggi a Trieste i lavori del tradizionale incontro annuale tra l’AISCAT – Associazione Italiana delle Società Concessionarie di Autostrade e Trafori e la Polizia Stradale.

 

L’incontro, organizzato quest’anno sotto l’egida della Carta Europea della Sicurezza Stradale della Commissione Europea e ospitato dalle Autovie Venete, ha costituito una importante sede di confronto sulla sicurezza del traffico attraverso i Paesi europei.

 

I delegati sono stati accolti dal Sindaco di Trieste, Roberto Di Piazza, dal Prefetto della città dottoressa Sorge Ludovici, dal Questore Domenico Mazzilli e dall’Assessore Lodovico Sonego, in rappresentanza della Regione Friuli Venezia Giulia, ad una cena di gala presso il Palazzo del Governo in Piazza Unità d’Italia.

 

I lavori, che si sono svolti nella sala del Ridotto del Teatro “Giuseppe Verdi”, sono stati aperti dal Presidente di Autovie Venete, Aldo Burello e hanno visto gli interventi di: Fabrizio Palenzona, Presidente dell’AISCAT; Antonio D’Alì, Sottosegretario al Ministero degli Interni; Paolo Uggè, Sottosegretario al Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture; Pasquale Piscitelli, prefetto Capo delle Specialità della Polizia di Stato; Antonio Giannella, Direttore del Servizio di Polizia Stradale; un rappresentante della Commissione Europea e  Massimo Schintu, Segretario Generale dell’Associazione.

 

Alla platea, composta da operatori del servizio della Polizia della Strada delle Concessionarie italiane di autostrade a pedaggio, il Presidente Palenzona ha illustrato gli obiettivi e le sfide che tutti gli operatori dovranno affrontare in un futuro nel quale il traffico stradale vedrà crescere gli scambi transfontalieri e le quote della mobilità internazionale.

 

La scelta di Trieste, come sede dell’incontro, è il riconoscimento del ruolo storico di crocevia internazionale della Regione Friuli Venezia Giulia, congiunto a quello, nuovo, di caposaldo del corridoio Europeo V che sosterrà la crescita dei traffici di attraversamento lungo un asse destinato a divenire sempre più importante per l’Europa, come testimoniato dall’ampia partecipazione di operatori europei.

 

 

<< news precedentinews successive >>